Translating Nuova York
css.php

The History of Verdi Square/La Storia di Verdi Square

The History of Verdi Square

Tourist or everyday New Yorker, it’s always an enjoyable experience to come across one of the city’s famous parks. One in particular is located at Broadway and West 72nd Street in the enormous borough of Manhattan. This park is called Verdi Square and was attained by the NYC Parks department in 1887 and in 1921, it was given its official name. However, in the late 18th and 19th centuries, on Bloomingdale Road, currently known as Broadway, there was an old village by the name of Harsenville. The area that contains Verdi Square was a part of this village. Many wealthy people would choose this location to purchase a summer villa and musicians such as Enrico Caruso and Arturo Toscanini would perform and entertain in the square.

Later on, in the 1960s and the 1970s, a multitude of drug dealers and addicts would frequent the square referring to it as “Needle Park”. This gritty nickname has become known by moviegoers everywhere since the film, The Panic in Needle Park, starring Al Pacino and Kitty Winn, had been released in 1971. Partially filmed in Verdi Square, it reveals to viewers the dark side of the present day, modern and refreshed Upper West Side that is concealed to the younger generations of New York City. The desperate situations of homelessness and addiction the protagonists face portray a tough and less than ideal version of the wholesome family parks that one would imagine.

However, the gloomy aura that embodied the square had soon vanished when local residents and businesses began to speak out on the situation. Consequently, the city decided it would send out more police and security into the area which, in turn, allowed the square to become more secure. The entire square was then transformed and given an entirely new appearance. This did not go unnoticed because in 1974, the Landmarks Preservation Commission declared Verdi Square as a scenic landmark, allowing its beauty and history to be commemorated and admired. This honorary title is only granted to nine parks throughout the city.

Unfortunately, the beauty did not seem to last very long. According to The New York Times,  when construction workers began updating the Broadway and 72nd Street subway station in 2000, they came across a rat problem. As they advanced their work on the station, the rats started to navigate upwards into the square. It turned out, however, that they had already been there for quite some time and had digged up multiple holes surrounding the Verdi monument. A local Greenmarket, with its abundance of food scraps, attracted the rodents to the area. The rat population had grown so large, Verdi Square had been renamed “Vermin Square”. Everyone was encouraged to play a role in resolving the issue, from the New York City Transit and the Park Department to the local residents and business owners.

In 2004, the new IRT subway station was finally completed and opened to the city’s residents. With the opportunity of larger crowds making their way into Manhattan from other boroughs, Verdi Square was revamped once again with great attention to detail. Comfortable seating was made available and a variety plants were spread out throughout the square to create a more inviting atmosphere. Some other pleasant additions included a new station house as well as a new plaza. In addition, several benefactors have a role, up to this day, in maintaining the aesthetics, cleanliness and friendly atmosphere of the square and its central monument. As an example, in Parma, Italy where Giuseppe Verdi was born, a thriving food company, in collaboration with Cesare Casella, a famous Italian chef, financed floodlighting for the Verdi monument, emphasizing its importance and presence in the square and allowing for a magical spectacle for park-goers at night.

http://nyclovesnyc.blogspot.com/2011/08/72nd-street-station-control-house.html

 

In present day Verdi Square, people going about their everyday lives, are captivated by a particular detail that can only be found in this park. It is a monument made of carrara marble and montechiaro limestone which is in honor of the famous opera composer Giuseppe Verdi. His legacy and talent is respected not only through the monument, itself, but is emphasized by four other figures that are situated on all different sides of Verdi. What this signifies is that the Sicilian sculptor, known as Pasquale Civiletti, who was responsible for the Verdi monument, also created monuments of four of the most popular characters from four of his well-known operas. These characters are Falstaff, Aida, Otello, all from operas of the same names, respectively, and Leonora from The Force of Destiny.

The project to erect these five monuments was advocated by Carlo Barsotti, the president of the Verdi Monument Committee. His main priority is to allow the public of New York to recognize some of the leading figures in Italian history in order to kindle a feeling of pride, positivity, and encouragement for the city’s Italian-American community as well as for anyone else who would come across these monuments. His means of acquiring donations for the monuments were provided by subscriptions to his newspaper entitled Il Progresso Italo Americano. On the same day that Verdi’s statue became available to the public, Italian-American communities from all over the city marched all the way from Washington Square Park to the home of the monument. The event was embraced by a wonderfully prideful atmosphere because the legend of a leader in artistic Italian history was being recognized by as many as 10,000 people. The unveiling of the sculpture was carried out in a dramatic and suspenseful manner. Carlo Barsotti’s grandchild tugged on a string that was attached to a balloon. This gave way to the raising of an Italian flag and beautiful doves that flew away from underneath the fabric. All the attendees were then showered with flowers and a feeling of pride. Accompanied by all this grandiose was the presence of marching bands and three hundred school children who sang in chorus for the celebration.

https://www.tripadvisor.com/ShowUserReviews-g60763-d10347552-r585674318-Giuseppe_Verdi_Monument-New_York_City_New_York.html

However, the significance of musical performances are not limited to unveiling affair. Verdi Square carries its own musical history. Back in 1904, right across from the square, the ancient Ansonia Hotel housed the Italian singer, Enrico Caruso, and the Italian conductor, Arturo Toscanini, as well as many other singers. There were other famous residents such as the composer Igor Stravinsky and a concert organizer and financer, Sol Hurok. Often, all of these figures would pass their time in Verdi Square, their presences still remembered to this day. Since 2006, an annual Verdi Square Festival has been held every September. The organizers present three outdoor concerts, each for the duration of an hour, and free of charge for anyone who wishes to attend. Each of the concerts have performances from Verdi’s famous operas in addition to a multitude of music genres such as jazz, klezmer, bluegrass, and so on. Volunteers of the Upper West Side in collaboration with the New York City Department of Parks and Recreation are responsible for these festivities that continue to occur for the enjoyment of all of the attendees.

http://hotsta.net/geo/508916078

La Storia di Verdi Square

ILa Storia di Verdi Square

Una turista o un New Yorker comune, è sempre un’esperienza piacevole imbattersi in uno dei parchi famosi della città. Uno, in particolare, si trova a Broadway e West 72nd Street nel distretto enorme di Manhattan. Questo parco si chiama Verdi Square e il NYC Parks Department l’ha conseguito nel 1887 e nel 1921, l’ha dato il nome ufficiale. Però, nel fine dei diciottesimo e diciannovesimo secoli, sul Bloomingdale Road, ora conoscuito come Broadway, c’era un villaggio vecchio che si chiamava Harsenville. La zona dove c’è Verdi Square era una parte di questo villaggio. Molte persone richi sceglievano questo posto per comprare una villa dell’estate e i musicisti come Enrico Caruso e Arturo Toscanini eseguivano e intrattenevano nella piazza.

Manhattan’s lost village of Harsenville

Poi, negli anni ‘60 e negli anni ‘70, una moltitudine di spacciatori di droga e tossicodipendenti frequentavano la piazza e la descrivevano come “Needle Park”. Questo soprannome crudo è diventato conosciuto dai tutti i frequentatori del cinema dappertutto da quando il film The Panic in Needle Park con Al Pacino e Kitty Winn è stato lanciato nel 1971. Filmato, in parte, in Verdi Square, lo mostra al pubblico l’aspetto oscuro del presente, moderno, e ristorato Upper West Side che è celato dai giovani generazioni di New York. I situazioni disperati di non avere una casa e dipendenza i protagonisti affrontano mostra un versione duro e meno che ideale dei parchi famigliare sani che si immaginerebbe. Comunque, l’aura depresso che la piazza rappresentava tra poco sparito quando i residenti locale e negozi hanno cominciato parlare apertamente sulla situazione. Perciò, la città ha deciso che spedirebbe di più polizie e sicurezza nella zona che ha lasciato la piazza diventare di più sicuro. Dopo, tutta la piazza era trasformata e l’apparenza è diventata assolutamente nuova. Questo non ha passato inosservato perché nel 1974, il Landmarks Preservation Commission ha dichiarato Verdi Square come un luogo scenico, permettere la commemorazione e l’ammirazione della bellezza e la storia della piazza. Questo titolo onorario è stato concesso solamente per nuovi parchi ovunque in città.

https://www.imdb.com/title/tt0067549/mediaindex

Purtroppo, la bellezza non sembrava durare molto a lungo. Secondo il New York Times, quando gli operai edili hanno iniziato a ristrutturare il Broadway e 72nd Street stazione della metropolitana nel 2000, si sono imbattuti una problema di ratti. Mentre hanno avanzato il loro lavoro sulla stazione, i ratti hanno cominciato dirigersi verso l’alto nella piazza. Hanno scoperto, però, che loro sono già stati lì per un bel pò di tempo e hanno scavato molti buchi circostante il monumento di Verdi. Un Greenmarket locale, con la sua abbondanza di avanzi, ha attratto i roditori alla zona. La popolazione di ratti è diventata terribilmente grande che Verdi Square è stato rinominato Vermin Square. Tutti sono stati incoraggiati ad aiutare a risolvere la problema, dal New York City Transit e il Park Department ai residenti locali e i proprietari dei commerci.

Nel 2004, la nuova IRT stazione della metropolitana è stata finalmente completata ed è stato aperto ai residenti della città. Con l’opportunità dell’arrivo delle folle grande a Manhattan dai altri distretti, Verdi Square è stato aggiustato ancora una volta con tanta attenzione ai dettagli. Hanno provvisto posti a sedere comodi e una varietà di piante erano sparpagliati ovunque nella piazza per creare un’atmosfera più invitante. Alcuni altre aggiunte piacevoli sono stati inclusi come un station house nuovo e una piazza nuova. Inoltre, alcuni benefattori aiutano, fino ad ora, a mantenere l’estetica, la pulizia e l’atmosfera amichevole della piazza e del suo monumento centrale. Per esempio, a Parma in Italia dove Giuseppe Verdi è nato, un fiorente azienda alimentare, in collaborazione con Cesare Casella, un famoso chef italiano, hanno finanziato i riflettori per il monumento di Verdi. Questo ha evidenziato la sua importanza e presenza nella piazza e ha permesso uno spettacolo magico per i frequentatori del parco alle notte.

A Verdi Square corrente, le persone che stanno andando sulla loro vita quotidiana, sono attratte da un dettaglio particolare che solo si può trovare in questo parco. È un monumento fatto di marmo di carrara e calcare montechiaro che è in onore del famoso compositore d’opera Giuseppe Verdi. La sua eredità e il suo talento sono rispettato non solo con il monumento ma è enfatizzato con altre quattro figure che sono situati su tutti differente lati di Verdi. Questo significa che lo scultore siciliano che si chiama Pasquale Civiletti, che era responsabile per il monumento di Verdi anche ha creato i monumenti di quattro dei più popolari personaggi da quattro dei suoi conosciuti opere. Quei protagonisti sono Falstaff, Aida, Otello, da tutti dalle opere con gli stessi nomi, rispettivamente, e Leonora da La Forza del Destino.

https://en.wikipedia.org/wiki/La_forza_del_destino

Il progetto per montare questi cinque monumenti è stato sostenuto da Carlo Barsotti, il presidente del Verdi Monument Committee. La sua priorità principale è per lasciare il pubblico di New York a conoscere alcuni delle figure massimi nella storia italiana per attizzare un sentimento d’orgoglio, positività, ed ispirazione per la comunità italo-americano della città e per chiunque che si imbatte i monumenti. Il suo modo di ottenere le donazioni per i monumenti sono stati forniti dai abbonamenti al suo giornale che si chiama “Il Progresso Italo Americano”. Lo stesso giorno che il monumento di Verdi è stato rivelato al pubblico, le comunità italo-americani da tutta la città hanno marciato da Washington Square Park alla casa del monumento. L’evento è stato abbracciato da un’atmosfera molto orgoglioso perché la leggenda di un capo nella storia dell’arte italiana è stato conosciuto da diecimila persone. La presentazione della scultura è stata effettuata in un modo drammatico e ricco di suspense. Il nipote di Carlo Barsotti ha tirato una corda a cui era collegato a un palloncino. Questo ha dato la precedenza del innalzamento della bandiera italiana e bellissime colombe che hanno volato via di sotto il tessuto. Tutti i partecipanti sono stati poi inondati con i fiori e un sentimento d’orgoglio. Accompagnato da tutto questo grandioso era la presenza delle bande musicali e trecento bambini di scuola che hanno cantato in coro per la celebrazione.

Comunque, il significato di questi spettacoli musicali non sono limitato all’evento della presentazione. Verdi Square ha proprio una storia musicale. Nel 1904, proprio di fronte la piazza, l’antico albergo di Ansonia ospitava il cantante italiano, Enrico Caruso, e il direttore d’orchestra italiano, Arturo Toscanini, e molti altri cantanti. C’erano altri residenti famosi come il compositore, Igor Stravinsky, e l’organizzatore e il finanziatore di concerti, Sol Hurok. Spesso, tutte le queste figure passavano il tempo in Verdi Square e le sue presenze sono ancora ricordati ad oggi. Da 2006, una festa di Verdi Square annuale è stata tenuta ogni settembre. Gli organizzatori presentano tre concerti al aperti, ciascuno per la durata di un’ora e gratuiti per tutti che vogliono vederli. Tutti i concerti hanno spettacoli dalle opere famosi di Verdi e una moltitudine di generi musicali come il jazz, il klezmer, il bluegrass, e molti altri. I volontari dell Upper West Side in collaborazione con il New York City Department of Parks and Recreation sono responsabili per le festività che continuano per il piacere di tutti i partecipanti.

Boys, Bowery. “Ah, the Bad Ole Days of Needle Park.” The Bowery Boys: New York City History, 14 Jan. 2015, www.boweryboyshistory.com/2007/11/ah-bad-ole-days-of-needle-park.html.
“Festival History.” About the Park | Verdi Square Festival of the Arts, New York City, www.verdisquarefestival.com/festival-history.shtml.
Kilgannon, Corey. “NEIGHBORHOOD REPORT: UPPER WEST SIDE; Dig They Did Under Verdi Square and Out Scrambled Rats.” The New York Times, The New York Times, 27 Feb. 2000, www.nytimes.com/2000/02/27/nyregion/neighborhood-report-upper-west-side-dig-they-did-under-verdi-square-scrambled.html.
“Verdi Square.” Central Park : NYC Parks, www.nycgovparks.org/parks/verdi-square/highlights/6534.
“Verdi Square.” Central Park : NYC Parks, www.nycgovparks.org/parks/verdi-square/monuments/1624.
“Verdi Square.” Wikipedia, Wikimedia Foundation, 20 June 2018, en.wikipedia.org/wiki/Verdi_Square#cite_note-3.
“Verdi Square Park History.” About the Park | Verdi Square Festival of the Arts, New York City, www.verdisquarefestival.com/park-history.shtml.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Need help with the Commons? Visit our
help page
Send us a message
Skip to toolbar